Sopralluogo alla Greenvest di Gubbio. sequestrati sacchi di canapa – Corriere dell’Umbria

Sopralluogo alla Greenvest di Gubbio. sequestrati sacchi di canapa – Corriere dell'Umbria

Euro Grilli

20 maggio 2021

In via Masaccio-Canne Greche a Gubbio si è svolto il sopralluogo del consulente tecnico Aldo Romani, professore associato al dipartimento di chimica dell’Università di Perugia incaricato dal sostituto procuratore della Repubblica Gemma Giuliani di acquisire tutti gli elementi utili per fare piena luce sul disastro Greenvest (l’azienda che lavorava la cannabis legale) del 7 maggio scorso nel quale hanno perso la vita Samuel Cuffaro di 20 anni ed Elisabetta D’Innocenti di 53 e sono rimaste ferite tre persone, Kevin Dormicchi di 28 anni, Alessandro Rossi di 32 e Alessio Cacciapuoti di 17 anni.
Il magistrato ha posto domande precise al professor Rossi per quanto concerne “la ricostruzione del procedimento chimico-fisico effettuato nel laboratorio alla luce dei dati disponibili, in relazione alle apparecchiature, materiali e modalità di utilizzo, e alle ipotesi formulabili, valutando i possibili rischi connessi alla procedura, ai macchinari utilizzati, alle sostanze impiegate e le cautele che sarebbero state necessarie e dovute; formuli altresì possibili ipotesi di innesco dell’incendio, in relazione ai dati disponibili ed eventuali violazioni di normativa antinfortunistica e antincendio che saranno valutate dai predetti organi investigativi”.
Il professor Romani ha svolto l’incarico con grande meticolosità. Un momento di grande commozione c’è stato quando al padre di Samuel Cuffaro è stato riconsegnato lo zainetto del figlio. Durante il sopralluogo sono stati sequestrati alcuni sacchi di Canapa Sativa (materiale di lavorazione) e altri elementi.  
Sul posto anche i periti di parte. Il professor Romani si è riservato 60 giorni per presentare la relazione finale al magistrato inquirente.
Alle 17 invece è stata la volta dell’altro consulente nominato dal magistrato, Raffaele Garrisi, super esperto di informatica, incaricato di acquisire i dati contenuti nei telefoni cellulari sequestrati ad Alessandro Rossi, Gabriele Maia Michele Muratori, Samuel Cuffaro, e Giorgio Mosca” e su 4 computer (tre sono portatili). In questo caso il consulente tecnico ha chiesto 30 giorni per fornire le risposte.