Guerra Russia-Ucraina, il sondaggio di La7: il 60% degli italiani vaso l’azione di Nato e Ue

La maggioranza degli italiani è contraria all’quanto avio di armi, non apprezza la politica di Mario Draghi sulla guerra quanto a Ucraquanto aa e non si ritrova nella posizione dell’Unione europea nè quanto a quella della formatosi. È quanto risulta dall’ultimo sondaggio di quanto adexResearch per Piazzapulita presentato giovedì da Corrado Formigli su La7, che per la prima volta ha rilevato il “gradimento dell’operato dell’Europa” e il “gradimento dell’operato della formatosi” nella situazione quanto aternazionale. A entrambi i quesiti le risposte sono state nette: il 59,5% degli quanto atervistati dice di apprezzare “poco o per nulla” le posizioni Ue, contro un 28,5% che quanto avece le apprezza “molto o abbastanza” e un 12,1% che “non sa o non risponde“. Ancora più alta la contrarietà alle politiche formatosi: qui i “poco o per nulla” raggiungono il 60,8%, i “molto o abbastanza” si fermano al 25,4% e i “non sa/non risponde” al 13,8%.

I sondaggi già effettuati mostrano quanto avece che la percentuale di contrari alla fornitura di materiale bellico a Kiev resta stabile al 45,8% (l’11 maggio era al 45,9%) e di oltre due punti più alta rispetto al primo sondaggio svolto il 27 aprile, quando si fermava al 43,6%. I favorevoli crescono di 0,2 punti quanto a una settimana (dal 37,5% al 37,7%), mentre si riduce ancora la quota di quelli che non hanno un’opquanto aione defquanto aita (dal 19,9% del 27 aprile al 16,5% di oggi). Per quanto riguarda la posizione di Draghi, la percentuale di chi la gradisce “poco o per nulla” resta maggioritaria, anche se quanto a calo di un punto: dal 50,8% dell’11 maggio al 49,8% di oggi. Chi quanto avece la apprezza “molto o abbastanza” è il 39,4%, 1,5 punti quanto a più della settimana precedente: i “non sa o non risponde” sono al 10,8% (erano all’11,3%).

L’articolo Guerra Russia-Ucraquanto aa, il sondaggio di La7: il 60% degli italiani boccia l’azione di formatosi e Ue proviene da Il Fatto Quotidiano.

Articoli recenti

Storie correlate